Giu

14

2013

Status:  Open
CATEGORIA:  Macchine espresso


Questo post è dedicato a tutti gli orgogliosi possessori di una macchina espresso domestica.

Pratica, compatta, elegante nelle linee e straordinaria nelle prestazioni. Questo piccolo elettrodomestico ha rivoluzionato le nostre mattine e i nostri risvegli, regalandoci il piacere di poter gustare anche a casa un espresso ricco e cremoso in poche, semplici mosse. Eppure, siamo pronti a scommettere che molti fra quelli che ne possiedono una, si saranno ritrovati almeno una volta di fronte a una macchina che, di punto in bianco, non fa più il suo dovere. L’erogazione inizia a essere lenta e difficoltosa e il caffè cambia misteriosamente sapore per trasformarsi, dalla vostra miscela preferita, in qualcosa di amaro, bruciato e rancido.

Ora, prima di farvi prendere dal panico, di chiamare in preda alla disperazione il servizio clienti, prima di cambiare miscela (se avete una macchina a cialde e non a capsule potete sempre farlo) o rottamare la vostra fidata macchinetta, fermatevi un secondo e fatevi una semplice domanda: quando è stata l’ultima volta che avete pulito la macchina?

Sappiamo bene che il libretto di istruzioni, in generale, non è propriamente una lettura in cima alle classifiche di gradimento, tuttavia, qualunque sia la macchina che possedete, ognuna di esse avrà sicuramente un bel capitolo dedicato a “manutenzione e pulizia” nel suo manuale d’uso. Vale la pena chiarire che tale sezione non è “discrezionale” ma descrive una delle operazioni fondamentali per assicurare il corretto funzionamento della macchina e soprattutto un risultato in tazza sempre perfetto.

Infatti, se è pressoché ovvio per tutti lavare le stoviglie in cui si è mangiato o le pentole con cui abbiamo cucinato, per qualche strano motivo sono in tanti a pensare che la stessa attenzione non debba riguardare la macchina del caffè che invece, proprio perché eroga un prodotto oleoso, tende ad accumulare residui che oltre ad ostruire le parti interne del gruppo, si ossidano facilmente provocando odori e aromi sgradevoli.

In questo post, cercheremo di illustrare nella maniera più semplice possibile le poche ma indispensabili operazioni di pulizia da effettuare periodicamente alla vostra macchina espresso, pena l’inevitabile perdita del gusto del vostro caffè.

Prendiamo in questo caso la Device Style PD-1. Circa una volta al mese, a seconda della quantità di caffè giornalieri che preparate, è necessario pulire il gruppo erogatore. Farlo è semplicissimo e impiegherete pochi minuti del vostro tempo che saranno peraltro totalmente ripagati in termini di gusto. Ecco come fare.

 

PULIZIA DEL GRUPPO EROGATORE


Occorrente:

• 1/2 pastiglia di Axor Coffee Maker Cleaner
• uno spazzolino a setole dure
• un panno umido
• una tazza o un bicchiere grande


Prima di tutto, spegnete la macchina, staccate la spina e sfilate vassoio porta cialda dal gruppo di estrazione sollevandolo con l’aiuto di un cucchiaino e facendo attenzione a non scottarvi.


Smontate quindi il filtro mobile nelle sue tre parti separandolo dal vassoio e dal gommino esterno. Dopo un certo numero di utilizzi, noterete come tenda ad incrostarsi di residui di caffè e a diventare nero.

Per rimuovere lo sporco, fate sciogliere in un bicchiere di acqua molto calda un quarto di pastiglia Axor e immergetevi solo le 2 parti in metallo mentre il gommino andrà semplicemente sciacquato sotto acqua calda.

Lasciate in ammollo per circa 20 minuti e, nel frattempo, procedete con la pulizia del gruppo erogatore.

Riaccendete la macchina e sciogliete un altro quarto di pastiglia Axor all’interno del gruppo, abbassando la leva e facendo scorrere l’acqua premendo il tasto ON della caldaia espresso.

Quando la pastiglia sarà sciolta, interrompete l’erogazione dell’acqua, sollevate la leva e con l’aiuto dello spazzolino distribuite la polvere della pastiglia all’interno del gruppo (sia sopra che sotto) strofinando accuratamente. Vedrete che sarà estremamente semplice rimuovere residui e incrostazioni. Per pulire anche l’ugello di erogazione del caffè, aiutatevi con uno stuzzicadenti avvolto in un panno carta.
Riabbassate la leva ed erogate altra acqua per sciacquare il gruppo, quindi asciugate il vassoio porta cialda con un panno pulito.

Adesso potete dedicarvi ad ultimare la pulizia del filtro mobile che avevate precedentemente lasciato in ammollo. Sempre con lo spazzolino iniziate a strofinare sotto l’acqua calda, avendo cura di eliminare il “nero” del caffè dal vassoio, fra i dentini laterali e dai fori del filtro.

Sciacquate tutto sotto acqua corrente e rimontate le tre parti, accertandovi che il filtro sia riposizionato nel silicone con la parte liscia rivolta verso l’alto.

A questo punto potete riposizionare il filtro nel gruppo e prepararvi un buon espresso.



BLOG TAGS:  Macchine espresso
COMMENTI:  0

Aggiungi un commento

I campi contrassegnati da * sono obbligatori.


Nome *
Cognome:
E-mail *
Commento *
 


© 2011 Sevengrams S.r.l.Tutti i diritti riservati   info@7gr.it - Termini e condizioni - Condizioni generali di vendita -  Privacy -   Credits
PI 06201720965 - Iscr. C.C.I.A.A. Milano - REA Nr. 1876293 - Capitale sociale 110.000,00 Euro (I.v.)